Ultime News

26 Novembre 2019

Si informa che è in pubblicazione nella sezione "Bandi di gara e contratti" l'avviso di asta pubblica per la vendita dell’immobile denominato “...

20 Novembre 2019

La Città metropolitana ha approvato con decreto del Sindaco Luigi Brugnaro il progetto definitivo/esecutivo per due interventi di risanamento...

12 Novembre 2019

Palestra nuovamente agibile e a disposizione dell’attività didattica per gli studenti del Liceo Foscarini di Venezia.

24 Ottobre 2019

Nell’ambito del progetto interreg Italia-Croazia “HISTORIC” finanziato dal programma interreg italia-croazia, di cui la Città metropolitana è...

EDILIZIA SCOLASTICA: TAGLIO DEL NASTRO A SAN DONA' DI PIAVE PER LA NUOVA SUCCURSALE DEL LICEO MONTALE EX SEDE CFP

25 Settembre 2018

Inaugurazione martedì mattina a San Donà di Piave dell’ex Centro di Formazione Professionale ora succursale del Liceo Classico/Linguistico Montale. Il complesso scolastico, gestito dalla Città metropolitana, è stato oggetto quest’estate di lavori di riconversione per adeguare la struttura ad ospitare 16 aule per l’attività didattica.
 
L’intervento è stato realizzato in seguito all’accordo tra la Città Metropolitana di Venezia e la Regione Veneto proprietaria dell’immobile che ha una superficie pari a circa 1400 mq.
Il progetto prevedeva la riconversione di alcuni  laboratori in aule didattiche, il miglioramento di alcuni spazi già adibiti ad aule didattiche ai piani primo e secondo  con modifica della forometria esterna, adeguamenti impiantistici e variazione dell’impianto distributivo del piano terra per aumentare il numero di servizi igienici e la fruibilità dei locali adibiti ad uffici amministrativi.
 
Al taglio del nastro ufficiale sono intervenuti il consigliere delegato metropolitano Saverio Centenaro in rappresentanza del sindaco Luigi Brugnaro, il vice presidente della Regione Veneto Gianluca Forcolin, il sindaco di San Donà di Piave Andrea Cereser, la direttrice scolastica dell’istituto Elisabetta Pustetto, i rappresentanti degli studenti e dei genitori, il dirigente dei lavori pubblici della Città metropolitana Simone Agrondi, il funzionario del Dipartimento dei Servizi al Territorio e Gestione del Patrimonio Edilizio Matteo Morandina, il dirigente scolastico vicario Luciano Carpenedo.
 
“Questo è un esempio di collaborazione tra enti pubblici che ricopre un grande significato – ha detto Saverio Centenaro -. E’ stato un percorso non semplice, ma grazie alla disponibilità di tutti siamo arrivati ad un risultato più che soddisfacente. Grazie, dunque, al vicepresidente della Regione Veneto Gianluca Forcolin per la disponibilità e la collaborazione. Un ringraziamento particolare, poi, lo dedico ai tecnici della Città metropolitana, che hanno profuso un grande impegno per tutta la durata dei lavori e riuscire a restare nei tempi del cronoprogramma, e grazie alla cooperativa che ha eseguito i lavori.  Uno stimolo particolare ci è arrivato anche dagli studenti e dai loro genitori che sono stati un tassello importante nello studio del progetto. Questo taglio del nastro è, però, solo un primo passo: da oggi inizia un nuovo percorso che vede coinvolti Città metropolitana, Regione Veneto e Comune di San Donà che ci auguriamo possa portare all’ampliamento definitivo del Liceo Montale come auspicato dalla direzione scolastica”.
 
16 le aule che sono state ricavate per le sezioni del Montale. Gli impianti tecnologici sono stati modificati ed adeguati alle nuove esigenze secondo gli schemi progettuali esecutivi anche per quanto riguarda tutti quegli interventi volti a mantenere la sicurezza antincendio del fabbricato, così come previsto dalla vigente normativa.
I nuovi infissi, posti in corrispondenza delle nuove aperture sono stati realizzati in alluminio in continuità ai preesistenti, e sono conformi alle vigenti normative in materia di sicurezza e contenimento energetico.
Si è intervenuto sugli spazi esterni per realizzare una superficie pavimentata idonea allo stazionamento degli studenti, in attesa dell’inizio delle lezioni e per il parcheggio dei  cicli.  Nello specifico si prevede di pavimentare un tratto di superficie esterna  prospiciente l’ingresso principale e di lato all’edificio, lungo il lato sud, avendo cura di mantenere l’esistente aiuola lungo il confine di proprietà.
Gli interventi, realizzati secondo le indicazioni normative, ammontano ad una spesa complessiva di 350.000 euro.
 

CITTA' METROPOLITANA DI VENEZIA
SERVIZIO PATRIMONIO