Ultime News

10 Marzo 2020

La Città Metropolitana di Venezia ha completato in questi giorni il lavoro di sostituzione della pavimentazione della palestra del Liceo Classico...

18 Febbraio 2020

Ruspe già al lavoro sulla Sp 42 via Fausta a Ca’ di Valle nel Comune di Cavallino-Treporti per la realizzazione del tratto di pista ciclabile che ...

13 Febbraio 2020

Il Servizio patrimonio della Città metropolitana di Venezia ricerca ricerca per l’espletamento delle attività istituzionali dei propri Servizi di...

10 Dicembre 2019

Si informa che è in pubblicazione nella sezione "Bandi di gara e contratti" l'avviso di asta pubblica per la vendita dell’immobile denominato “ex...

Cosa fa la Provincia: 130mila euro all'istituto Algarotti di Venezia

11 Ottobre 2012

 
La Provincia di Venezia ha eseguito i lavori di restauro di palazzo Savorgnan, sede dell’Istituto tecnico turistico di Venezia “Francesco Algarotti” che si appresta a celebrare venerdì 19 e sabato 20 ottobre il suo 50° anniversario di nascita. L’edificio risale al XVII secolo ad opera dell’architetto Giuseppe Sardi: complesso edilizio importante, è un frammento della città storica, posto proprio dirimpetto al pontile Guglie dell’Actv e caratterizzante il contesto urbano, con un parco verde aperto al pubblico.
 
Assessore all’Edilizia scolastica Giacomo Gasparotto: «La facciata principale di questo edificio presentava uno stato di deterioramento tale da richiedere un intervento di restauro e manutenzione straordinaria; fratture sui rivestimenti in pietra d’Istria o su alcune componenti architettoniche di altra natura, parti dei rivestimenti in fase di distacco o già mancanti, processi chimici che attivano il deterioramento della struttura, infiltrazioni di acqua piovana dalla copertura. La Giunta Zaccariotto si è impegnata in questa circostanza con una spesa di oltre 130 mila euro per restituire alla città di Venezia questo gioiello architettonico, restaurato con tecniche avanzate. Sappiamo come la fragilità degli edifici storici sia un elemento che viene considerato con grande attenzione e competenza, in particolare per manufatti che ospitano funzioni importati come l’istruzione secondaria, e che ha già portato quest’anno ad altri interventi, come quello nell’ex convento di Santa Caterina, sede del convitto nazionale “Foscarini”».
 
Le opere di consolidamento e di recupero all’Algarotti sono state seguite dal servizio per la gestione del patrimonio edilizio provinciale ed eseguite dalla ditta Vettore Costruzioni di Venezia, mentre le indagini strutturali sono state curate dall’ingegnere Franco Forcellini. Il consolidamento accanto alla pulizia della facciata è stato dunque l’obiettivo principale dei lavori che hanno visto l’esecuzione di indagini endoscopiche, monitoraggi pacometrici, monitoraggi sonici, rilievi dello stato fessurativo al fine di restituire alla città una facciata restaurata e sicura per una delle fabbriche architettoniche che la caratterizzano. Si è potuta così ricostruire attentamente la stratigrafia e la composizione della facciata rilevando i tipi di rivestimento lapideo, le tecniche artigianali di costruzione muraria, le modalità di realizzazione della copertura in struttura portante lignea fissata alla facciata mediante zanche metalliche. A conclusione dell’intervento, si è proceduto con un rilievo fotografico di precisione che ha permesso di fissare le immagini dello stato complessivo della facciata per eventuali raffronti negli anni futuri e per verificare lo stato di degrado nel tempo.
 
 
***
 
GLOSSARIO TECNICO
 
Indagini con pacometro
Il pacometro è uno strumento che sfruttando le capacità magnetiche del ferro ne individua la presenza e lo spessore. In genere nelle murature rivestite di materiale in pietra, come la facciata di palazzo Savorgnan, vi sono elementi metallici che “staffano” cioè reggono le parti lapidee. Con questa indagine si sono rilevate queste parti metalliche e si è visto il loro stato di consistenza, quasi tutte erano originali e quindi messe in opera nel 1600, a causa di infiltrazioni d’acqua si presentavano particolarmente degradate. Sono quindi state sostituite.
 
Indagini soniche
Tecnica che si basa sulla propagazione di onde elastiche create da uno strumento che percuote la muratura. Le onde si diffondono in modo diverso a seconda del tipo di materiale che incontrano e pertanto danno una chiara rappresentazione della struttura che attraversano. 

CITTA' METROPOLITANA DI VENEZIA
SERVIZIO PATRIMONIO