Ultime News

15 Luglio 2020

Il Sindaco Luigi Brugnaro,  con decreto della Città metropolitana, ha approvato il progetto definitivo per avviare i lavori di adeguamento sismico...

10 Luglio 2020

La Città metropolitana comunica che lunedì 13 luglio avranno inizio i lavori di risanamento e ripristino del ponte sul Brenta in località Sandon,...

9 Luglio 2020

Si sono concluse in questi giorni da parte della Città metropolitana le attività del cantiere a completamento dell’intervento sul ponte “Negrelli...

1 Luglio 2020

Oggi mercoledì 1 luglio La Città metropolitana ha consegnato i lavori alla ditta incaricata di eseguire i lavori del nuovo tratto di 615 metri di...

Torre di Bebe - Chioggia

Denominazione Generale :
Torre di Bebe
Tipo immobile:
Edifici per usi diversi
Indirizzo:
Località Cà Bianca
Comune:
Chioggia
Ubicazione:

A Cà Pasqua, dopo un chilometro dal bivio che porta verso Cavarzere, frazione di Cà Bianca di Chioggia, alla confluenza fra Brenta, Bacchiglione e canal Cuori, in spazi che sono stati per millenni laguna aperta e ora sono terra di bonifica, c'è una torre, ovvero i suoi resti: La Torre di Bebe.

Consistenza:

L'antica Torre di Bebe sorge su un'area di 600 mq.

Vincoli:

L'immobile in oggetto risulta sottoposto alle disposizioni di legge che interessano i beni di interesse storico artistico.

Provenienza:

Il bene è pervenuto alla Provincia di Venezia il giorno 9 Agosto del 1923. Il processo verbale di trasferimento venne rogato dal Dott. Magrini Settimio.

Note storiche:

La Torre di Bebe o delle Bebbe, venne eretta, alla difesa delle Venezie dal doge Teodato nel 742-745 e fu assalita prima dai Franchi e Ungari nel 800/810, dagli Annesi e Ravennati nel 1010, dai Trevigiani e Padovani e infine cadde in mano ai Genovesi nel 1379, per poi essere successivamente recuperata dai veneziani condotti da Pisani e Zeno nel 1380. In terra clodiense i resti della Torre rappresentano sicuramente la più antica testimonianza della Repubblica Veneta e forse l'unico esempio di fortificazione medioevale esistente nella zona. Oggi, di quella Torre quadrangolare che doveva ergersi verso l'alto per una trentina di metri rimane ben poco: delle mura tre lati sono praticamente rasi al suolo, per cui spicca dal piano campagna solo l'impianto fondazionale, composto da grandi massi in pietra naturale posti a secco uno sull'altro.

Altre note:

I reperti archeologici ritrovati nella zona: ceramiche, cocci ciotole, brocche, bicchieri in vetro, steli di calici, lampade a olio, sia di produzione veneta che ferrarese, sono stati restaurati e costituiscono la sezione medioevale del museo civico di Chioggia, San Francesco fuori le mura, in campo Marconi.

Foto:
Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Torre di Bebe, Foto del particolare dell'iscrizione nella lapide, Foto della planimetria della zona dove si trova la Torre di Bebe, Torre di Bebe

CITTA' METROPOLITANA DI VENEZIA
SERVIZIO PATRIMONIO