Ultime News

26 Novembre 2019

Si informa che è in pubblicazione nella sezione "Bandi di gara e contratti" l'avviso di asta pubblica per la vendita dell’immobile denominato “...

20 Novembre 2019

La Città metropolitana ha approvato con decreto del Sindaco Luigi Brugnaro il progetto definitivo/esecutivo per due interventi di risanamento...

12 Novembre 2019

Palestra nuovamente agibile e a disposizione dell’attività didattica per gli studenti del Liceo Foscarini di Venezia.

24 Ottobre 2019

Nell’ambito del progetto interreg Italia-Croazia “HISTORIC” finanziato dal programma interreg italia-croazia, di cui la Città metropolitana è...

Bosco Parauro

Denominazione Generale :
Bosco Parauro
Tipo immobile:
Terreni, parchi, aree attrezzate
Indirizzo:
Strada provinciale 35 ''Salzanese''
Comune:
Mirano
Ubicazione:

Il Bosco del Parauro, che prende nome dal vicino corso d'acqua, è situato in prossimità dell'immediata periferia di Mirano, in provincia di Venezia.

Confini:

Tale area confina a nord con il fossato Parauro, a sud con proprietà private, ad est con via Zinelli e altre proprietà e ad ovest con la provinciale Salzanese.

Descrizione:

L'area, di forma geometrica poligonale con l'asse maggiore avente direzione nord-sud ed un fronte strada di oltre 450 metri sulla via provinciale Salzanese, è un bosco di pianura, gestito dal Servizio Parchi e Boschi della Città metropolitana di Venezia, che viene aperto al pubblico con visite guidate, assumendo una funzione ambientale e ricreativa. La restante area è suddivisa in: una parte dedicata all'arboricoltura da legno che rappresenta un basilare tassello per la ricerca e l'applicazione in questo settore, e dal piantonaio, il quale fornisce piante tipiche della pianura che le amministrazioni locali possono utilizzare per interventi di verde pubblico. L'area dedicata al piantonaio, assieme alle nuove siepi campestri, alcune create ex novo, rappresenta una sorta di vetrina per chiunque sia interessato ai diversi tipi di impianti, di grande attualità anche perché oggetto di specifici contributi all'interno dei provvedimenti della Comunità Europea, intesi a favorire pratiche agronomiche che rendano compatibile la gestione delle aziende agricole con le esigenze della salvaguardia ambientale. Tutta l'area offre inoltre grandi potenzialità educativo-didattiche. Un vivaio di circa 1 ettaro dove si coltivano essenzialmente specie autoctone con il preciso intento di diffonderne la cultura in alternativa alle conifere e alle specie esotiche. Nel bosco è presente numerosa fauna rappresentante di specie autoctone di pianura e animali allo stato selvatico, il bosco è anche un'importante zona di rifugio per le specie migratorie minori (tordi, cesene, fringuellidi...).

Consistenza:

Il Bosco del Parauro è costituita da: - un bosco di circa 15 ettari, con preminente impronta naturalistica e funzione didattica; - una zona tenuta a campi sperimentali per l'arboricoltura da legno, di circa 5 ettari, che oggi rappresenta un basilare tassello della ricerca forestale; - un vivaio di circa 1 ettaro dove si coltivano essenzialmente specie autoctone con il preciso intento di diffonderne la cultura in alternativa alle conifere e alle specie esotiche; - azienda agricola dell'I.P.Ag. "K. Lorenz" comprendente le aule, le serre e i campi sperimentali.

Provenienza:

Il terreno, per la maggior consistenza, è pervenuto alla Provincia di Venezia dalla proprietà Recanati Giustiniani di Collalto, con atto di compravendita del 26.7.1967 rep.39721, rogato dal Dott. Agostino Lamagna di Mirano; mentre con atto rogato dal Dott. Gabriele Marziano, Segretario Generale della Provincia di Venezia, è stato acquistato dalla C.A.S.A Luigi Mariutto un terreno della superficie pari a 10.000 mq con atto rep. 29206 in data 12.08.2003.

Note storiche:

La storia del "Parauro", come proprietà pubblica, inizia nel 1967, quando il fondo entrò a far parte del patrimonio provinciale. L'allora azienda agricola venne coltivata ora da privati, ora direttamente dalla Provincia, finché nel 1990 l'Amministrazione decise di individuare per l'area un utilizzo diverso dalla tradizionale agricoltura. Il progetto redatto nel 1991 dall'Azienda Regionale delle Foreste del Veneto ha proposto una radicale trasformazione dell'area, prevedendo interventi con funzioni e utilità diverse e sovrapposte.

Altre note:

Al fine di incrementare la biodiversità del Bosco del Parauro e di un'apertura regolamentata al pubblico è stato realizzato un centro di accoglienza e un'area di sosta per i mezzi dei visitatori oltre ad un percorso attrezzato di circa 1300 m.

Foto:
Bosco del Parauro - specchio d'acqua (foto di Stefano D'Alterio), Foto dell''interno del bosco del Parauro (foto di Stefano D'Alterio), Foto del parco in autunno, Foto del parco in estate, Foto del parco in primavera, Foto della parte destinata a vivaio, Foto di un particolare del bosco, Foto del parco dall''alto, Foto del parco visto dall'alto, Foto di una veduta del parco dall'alto, Foto del parco con S.P. "Salzanese", Foto dell''interno del bosco del Parauro, Foto di messa a dimora delle piante, Foto della mappa del bosco

CITTA' METROPOLITANA DI VENEZIA
SERVIZIO PATRIMONIO